La tomba di giganti di Coddu Vecchju è uno splendido esempio di architettura funeraria nuragica.

Si tratta di un imponente sepolcro collettivo che probabilmente accoglieva i defunti del vicino villaggio di La Prisgiona.

Il monumento, risalente all’età del Bronzo, è stato realizzato in due fasi costruttive.

Complesso nuragico Tomba di Giganti Coddu ‘Ecchju

Tomba di Giganti Coddu ’Ecchju

La tomba di giganti di Coddu ‘Ecchju è uno splendido esempio di architettura funeraria nuragica.

Si tratta di un imponente sepolcro collettivo che probabilmente accoglieva i defunti del vicino villaggio di La Prisgiona.

Il monumento, risalente all’età del Bronzo, è stato realizzato in due fasi costruttive: ad una tomba a galleria (lunga m 10,50), costruita intorno al 1800 a.C., venne aggiunta l’esedra (presumibilmente tra il1600e il 1400 a.C.), ovvero uno spazio semicircolare delimitato da una serie di lastre infisse nel terreno  con al centro una grande stele centinata (alta m 4,04), decorata da una cornice in rilievo e dotata di un piccolo portello alla base che serviva probabilmente per deporre delle offerte all’interno della tomba.

L’inumazione dei defunti avveniva presumibilmente dall’alto, mediante la rimozione di una delle lastre di copertura del corridoio.

Il corpo tombale venne incluso in un grande tumulo di terra e pietrame che comprendeva la zona retrostante l’esedra, la quale rivestiva la funzione pratica di contenere il tumulo stesso, ma delimitava anche lo spazio cerimoniale dove si svolgevano riti in onore degli antenati che prevedevano delle offerte, come testimoniano i numerosi recipienti ceramici ritrovati in quest’area.

Il culto degli antenati era di grande importanza nella civiltà nuragica.

Tomba dei Giganti

Le tombe di giganti sono grandi sepolcri collettivi risalenti all’epoca nuragica. Durante l’età del Bronzo si diffondono in tutta la Sardegna. Se ne conoscono al momento circa 800 di diverse tipologie costruttive, ma il loro numero doveva essere molto maggiore.

Il termine “tomba dei giganti” è il nome popolare con cui si indicavano tali strutture, per via delle loro grandi dimensioni. Si caratterizzano infatti per un lungo corridoio sepolcrale (dove venivano sepolti i defunti) e da una facciata semicircolare (esedra) che delimita uno spazio cultuale, dove la comunità svolgeva dei rituali in onore dei propri antenati.

Dove siamo

Parco Archeologico Arzachena Tariffe

Biglietto cumulativo incluso complesso La Prisgiona

  • Intero
  • 1 Monumento € 3,50
  • 2 Monumenti € 6.00
  • 3 Monumenti € 8.50
  • 4 Monumenti € 11.00
  • 5 Monumenti € 13.50
  • 6 Monumenti € 16.00
  • 7 Monumenti € 18.00
  • Ridotto (>20 pax)
  • 1 Monumento € 3.00
  • 2 Monumenti € 5.00
  • 3 Monumenti € 7.50
  • 4 Monumenti € 9.00
  • 5 Monumenti € 11.50
  • 6 Monumenti € 13.00
  • 7 Monumenti € 14.50

Biglietto cumulativo escluso complesso La Prisgiona

  • Intero
  • 1 Monumento € 3,00
  • 2 Monumenti € 5.00
  • 3 Monumenti € 7.50
  • 4 Monumenti € 10.00
  • 5 Monumenti € 12.50
  • 6 Monumenti € 15.00
  • Ridotto (>20 pax)
  • 1 Monumento € 2.50
  • 2 Monumenti € 4.00
  • 3 Monumenti € 5.50
  • 4 Monumenti € 8.00
  • 5 Monumenti € 9.50
  • 6 Monumenti € 11.00
Print Friendly, PDF & Email