Il nuraghe, di forma sub-rettangolare, è stato costruito sfruttando un affioramento di roccia granitica diventato parte integrante della struttura.

L’Albucciu è situato sul margine occidentale della piana di Arzachena, tra i monti di San Pantaleo a SE, i monti di Luogosanto ad O e il massiccio del Limbara a SO.

L’edificio è considerato un nuraghe di tipologia mista: nella stessa struttura sono presenti caratteristiche tipiche sia dei nuraghi a “corridoio” sia dei nuraghi “a tholos”.

Nuraghe Albucciu

Complesso nuragico Nuraghe Albucciu

Nuraghe Albucciu

L’area archeologica di Albucciu comprende il nuraghe omonimo e la tomba di giganti Moru.
Non lontano si trova anche il tempietto nuragico di Malchittu.
Il nuraghe, di forma sub-rettangolare, è stato costruito sfruttando un affioramento di roccia granitica diventato parte integrante della struttura.
L’edificio è considerato un nuraghe di tipologia mista: nella stessa struttura infatti, sono presenti caratteristiche tipiche dei nuraghia corridoio” (come la planimetria, la presenza di corridoi coperti a piattabanda) ed espedienti architettonici propri dei nuraghi a tholos (come la copertura a falsa cupola seppur non completa).

Attraverso un ingresso architravato, aperto sull’ampia facciata rettilinea, si accede all’interno del nuraghe, dove è possibile osservare un profondo ripostiglio a sinistra (corridoio e) e a destra, un’ampia camera ellittica coperta a tholos tronca (camera a).
Appena varcata la soglia è possibile osservare nelle murature laterali, due nicchiette contrapposte che servivano probabilmente per l’inserimento di un palo che bloccava la porta di legno che chiudeva l’ingresso.
Una scala conduce alla terrazza al piano superiore su cui si dispongono una serie di vani e un’area semicircolare a cielo aperto.
Una vasta camera circolare (camera n), la più grande del nuraghe, è accessibile soltanto dalla terrazza.
Nel terrazzo e nei vari ambienti del nuraghe sono stati rinvenuti numerosi e importanti reperti, testimonianza delle varie attività quotidiane che si svolgevano nel nuraghe, come la lavorazione del latte, dei cereali, la cottura del pane e di altri cibi, ma anche testimonianze della presenza della comunità di Albucciu nei traffici commerciali transmarini.
Spiccano tra i reperti, un pugnaletto ad elsa gammata, una statuetta di offerente e un ripostiglio di bronzi.
Gli oggetti ritrovati hanno permesso di inquadrare la frequentazione del Nuraghe Albucciu in un arco cronologico che va dalla fine del Bronzo Medio all’età del Ferro, cioè dal 1400 a.C. circa al 650 a.C. circa.

Nuraghe

Edificio simbolo della civiltà nuragica che nasce e si sviluppa in Sardegna a partire dall’età del Bronzo, intorno al XVII sec. a.C..
Presenti in tutta l’isola, questi edifici potevano essere di varie tipologie e assolvere a più funzioni: sicuri, protetti e nel contempo abitabili, secondo l’ipotesi più diffusa costituivano le residenze fortificate dell’autorità del villaggio.
Erano quindi edifici di carattere civile-militare, destinati in particolare al controllo e alla difesa del territorio e delle risorse presenti. Infatti, sono situati in punti strategici dotati di un’ampia visuale sulle zone circostanti e in collegamento visivo con altri nuraghi.

Corridoio

Si caratterizzano per la forma più tozza e irregolare. All’interno non sono presenti generalmente camere o sono molto piccole e non raggiungono mai altezze notevoli; compaiono invece uno o più corridoi coperti a lastroni che fungono da ambienti di vita. Le attività quotidiane si svolgevano nel terrazzo, dove si dispongono vani e spazi domestici.

Piattabanda

copertura con una serie di lastroni piatti disposti orizzontalmente.

Tholos

La tipologia di nuraghe più diffusa e conosciuta è quella “A THOLOS”. Si tratta di una torre troncoconica costruita sovrapponendo filari circolari di pietre.
All’interno si trovano una o più camere circolari sovrapposte e coperte a falsa cupola (tholos), copertura ottenuta dal restringimento progressivo del diametro dei filari di pietre, fino a chiudersi con una sola pietra.

Dove siamo e Biglietteria

Parco Archeologico Arzachena Tariffe

Biglietto cumulativo incluso complesso La Prisgiona

  • Intero
  • 1 Monumento € 3,50
  • 2 Monumenti € 6.00
  • 3 Monumenti € 8.50
  • 4 Monumenti € 11.00
  • 5 Monumenti € 13.50
  • 6 Monumenti € 16.00
  • 7 Monumenti € 18.00
  • Ridotto (>20 pax)
  • 1 Monumento € 3.00
  • 2 Monumenti € 5.00
  • 3 Monumenti € 7.50
  • 4 Monumenti € 9.00
  • 5 Monumenti € 11.50
  • 6 Monumenti € 13.00
  • 7 Monumenti € 14.50

Biglietto cumulativo escluso complesso La Prisgiona

  • Intero
  • 1 Monumento € 3,00
  • 2 Monumenti € 5.00
  • 3 Monumenti € 7.50
  • 4 Monumenti € 10.00
  • 5 Monumenti € 12.50
  • 6 Monumenti € 15.00
  • Ridotto (>20 pax)
  • 1 Monumento € 2.50
  • 2 Monumenti € 4.00
  • 3 Monumenti € 5.50
  • 4 Monumenti € 8.00
  • 5 Monumenti € 9.50
  • 6 Monumenti € 11.00
Print Friendly, PDF & Email

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi